Sostanze e Gioco d’Azzardo

Ero un sacco forte quando si trattava dei problemi degli altri. Solo coi miei non ne venivo a capo (Christiane F.)

Con il termine “dipendenza patologica” si intende un insieme di fattori comportamentali ed emotivi che denotano la ricerca esagerata e patologica di mezzi, sostanze o comportamenti; la dipendenza si può strutturare verso il cibo, verso le sostanze stupefacenti, verso il sesso, verso il partner, verso il lavoro, oppure verso comportamenti come il gioco d’azzardo o Internet.
Un vissuto molto comune delle persone affette da un comportamento di dipendenza è quello della totale perdita di controllo dell’abitudine.

Le psicologhe dello studio moviMenti offrono un servizio di sostegno, diagnosi e trattamento a tutti coloro che soffrono di dipendenza patologica.
Per informazioni o per chiedere un appuntamento è sufficiente compilare il form nella pagina Contatti di questo sito o scrivere una e-mail a movimentimilano@gmail.com.

Trattamento

Una dipendenza si instaura a causa di meccanismi emotivi talvolta molto difficili da riconoscere ed è un processo che avviene in modo graduale.
La precocità dell’intervento, basato principalmente su tecniche cognitivo-comportamentali che includono diversi focus, permette di prendere consapevolezza di quei processi che nel lungo termine si possono rivelare disfunzionali.
L’approccio cognitivo comportamentale si è dimostrato di grande efficacia nella prevenzione, diagnosi e trattamento delle dipendenze, sia quelle classiche da sostanze stupefacenti, sia per le nuove dipendenze (dipendenza da Internet, gambling, sesso, ecc.).

La terapia cognitivo comportamentale aiuta il paziente a capire quali sono le variabili che innescano, facilitano e soprattutto mantengono il proprio comportamento da modificare: attraverso la tecnica dell’analisi funzionale il soggetto impara a riconoscere quali sono, ad esempio, i fattori di rischio all’uso di sostanze, impara a fronteggiarli e lavora sulle conseguenze del suo comportamento che spesso si rivelano fattori di mantenimento e ostacolo al trattamento.
Attraverso poi strategie di fronteggiamento quali problem solving, assunzione di abilità di coping, rilassamento, la persona è in grado di aumentare le proprie abilità cognitive e comportamentali incrementando la propria autoefficacia.

Un lavoro assolutamente imprescindibile in questo tipo di approccio è il lavoro sulla regolazione emotiva, che spesso è un fattore determinante nell’innesco e nel mantenimento di una dipendenza. Il modello elettivo di trattamento di questi aspetti è quello proposto dalla Dialectical Behavior Therapy (DBT) che prevede il lavoro modulare di Skill Training strutturato individuale e di gruppo.